☀ TARTUFO NERO ESTIVO ☀

Disponibile a partire da 13€ per 50Gr. Acquista subito | SCORTE LIMITATE!

Tagliatelle al Tartufo Nero Estivo: una ricetta unica

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (9 voti, media: 4,89 su 5)
Loading...Loading...

Tagliatelle e Tartufo Nero Estivo: un connubio perfetto fra ricercatezza e genuinità.

tagliatelle al tartufo nero estivo
  • Dosi per
    4 persone
  • Tempo di Preparazione
    15 Minuti
  • Tempo di Cottura
    5 Minuti
  • Tempo Totale
    20 Minuti

Le tagliatelle al Tartufo Nero Estivo sono un primo piatto molto gustoso, pronto in poco più di 20 minuti. Ecco la ricetta e tanti consigli utili per preparare quasto grande classico che piacerà a tutti.

Tagliatelle al Tartufo Estivo: la parola al protagonista.

L’ingrediente principale delle nostre tagliatelle è il tartufo, nello specifico il Tartufo Nero Estivo, conosciuto anche come “Scorzone”, vera e propria delizia che si trova sul mercato durante la bella stagione, e che per fortuna  ha un prezzo piuttosto contenuto.

Il Tartufo Estivo è molto utilizzato in cucina, soprattutto per i primi piatti come le tagliatelle: ha un profumo gradevole e delicato, e un gusto non eccessivo, che ricorda i funghi porcini. Inoltre il Tartufo Nero Estivo, a differenza di quello bianco, regge piuttosto bene le alte temperature.

Al momento di acquistarlo, fai attenzione a questi particolari:

  • Il tartufo deve essere integro e non deve presentare lesioni evidenti.
  • La sua consistenza deve essere compatta ed elastica (né troppo morbida né troppo dura).
  • L’odore deve essere ben connotato ma non eccessivo, e non deve tendere all’ammoniaca.

Non dimenticare una cosa importante: se devi scegliere fra due tartufi, a parità di grandezza, opta per quello che ti sembra più pesante: vuol dire che contiene più acqua, e quindi è più fresco.

Tartufo Nero Estivo: come utilizzarlo per le tagliatelle

Il tartufo, una volta acquistato prima lo si usa e meglio è, in quanto col tempo tende a deperire. Puoi conservarlo in frigorifero pochi giorni avvolto nella carta assorbente, avendo l’accortezza di cambiarla ogni giorno (per evitare che si inumidisca troppo).

Ricordati anche che il tartufo va pulito solo al momento di utilizzarlo:

  • Togli con delicatezza la terra in eccesso utilizzando uno spazzolino pulito.
  • Metti il tartufo sotto un filo di acqua corrente fredda e puliscilo con estrema delicatezza (sempre con lo spazzolino).
  • Asciuga il tartufo alla perfezione con un panno pulito o con della carta assorbente.

A questo punto non ti resta che tagliarlo a fettine sottili con l’affetta tartufi, utilizzandone una parte per il soffritto e una parte a crudo, per guarnire le tagliatelle.

Ingredienti per 4 persone

  • 120 gr tartufo nero estivo
  • 600 gr tagliatelle all'uovo
  • 1 spicchio d'aglio
  • q.b. sale
  • q.b. olio extra vergine di oliva

Procedimento

  1. Mettere a bollire abbondante acqua salata.
  2. Pulire il tartufo e tagliarlo con l'apposito affetta tartufi.
  3. Mettere in una padella lo spicchio d'aglio in camicia e l'olio extra vergine di oliva (considerandone almeno 2 cucchiai per commensale).
  4. Lasciar soffriggere a fuoco basso.
  5. Eliminare l'aglio prima che prenda colore e aggiungere il tartufo.
  6. Mescolare, regolare di sale e lasciare insaporire per qualche secondo.
  7. Cuocere le tagliatelle e scolarle al dente, conservando un mestolo di acqua di cottura.
  8. Versare le tagliatelle nella padella insieme alla salsa di olio e tartufo, aggiungendo l'acqua di cottura.
  9. Saltare per qualche secondo e servire.

18 Commenti

  1. Francesca

    Tagliatelle eccezionali !!!!!!!!!!!!!

    Rispondi
    • Alberto Fortunati

      Ne siamo felici!
      A presto e un saluto

      Rispondi
  2. bussotti gabriella

    io so che il tartufo si mette a fuoco spento per sentirne tutto l”aroma e non si ripassa in padella
    a Terni si fa così

    Rispondi
    • Angelica Cavadenti

      Salve,
      ci sono varie tecniche e vari trucchetti.
      Personalmente, io non lo unisco alle tagliatelle tagliato a fette ma grattugiato finemente e insaporito precedentemente in un soffritto di aglio e olio tiepido.
      Il tartufo non deve essere cotto, ma solo unito a pietanze calde, per far sì (come ha giustamente detto Lei) che possa sprigionarsene tutto l’aroma.
      Una ripassatina in padella non guasta: ma senza esagerare!
      Un saluto Sig.ra Gabriella e grazie per il Suo prezioso contributo.
      Angelica

      Rispondi
      • mauri

        Io non le so preparare allora.per la prima volta che ho provato
        ho solo sentito tagluatelle ottime con oglio..gusto tartufo inesistente..la prima volta le ho mangiate in slovenia ottime.chiedo aiuto

      • dabj@inwind.it

        ciao Angelica mi dai i trucchetti.i tartufi non sanno di tartufo ho fatto uno skifo..ne ho tre come facciio

      • shopmanager

        Ciao,
        mi chiamo Elisabetta, la cosa migliore che posso consigliarle è di fare un soffritto con aglio e olio, lasciarlo raffreddare ed in fine unire con il tartufo un pizzico di sale e un pizzico di pepe!! spero di essere stata utile!
        buona giornata

    • Gabriele

      Sì Gabri le ho appena fatte così è un altra cosa buonissime Ciao!

      Rispondi
      • shopmanager

        Grazie Gabriele!! a presto!

  3. Giancarlo

    Io sostituire l’olio evo in tostatura con del buon burro chiarificato …..

    Rispondi
    • shopmanager

      Buongiorno Giancarlo;
      ci sono varie culture per quello che riguarda la preparazione del tartufo.
      Nella nostra tradizione culinaria, l’olio è l’elemento che meglio si unisce al tartufo nero estivo e al tartufo nero pregiato.

      Rispondi
  4. Marco

    Mi cimenterò domani. Quale vino suggerite in abbinamento? Un Greco di Tufo si sposerebbe bene?

    Rispondi
    • shopmanager

      Buon pomeriggio Marco,
      per il tartufo i vini più indicati sono quelli rossi, non eccessivamente corposi.
      quello che meglio ci si sposa per la nostra tradizione sicuramente è il rosso di montefalco.
      spero di essere stata una buona consigliera.
      Buona serata

      Rispondi
  5. mauri

    Grazie Elisabeta provero’ come hai scritto domani ciao

    Rispondi
  6. Maria Vallorani

    Mi è stato regalato un tartufo nero estivo ma non si sente nessun profumo di Tartufo che ci posso fare per sprigionare un po’ di profumo

    Rispondi
    • shopmanager

      Buongiorno Maria,
      le consiglio di fare un soffritto aglio ed olio, quando l’aglio si sarà d’orato e l’olio si sarà freddato , aggiunga il tartufo, sale e pepe,

      Rispondi
  7. Loredana di falco

    ma 120 grammi di tartufo è una pazzia!!!! forse era 12 grammi?

    Rispondi
    • shopmanager

      Buongiorno,
      ma non è affatto una pazzia, parliamo di tartufo estivo ed una dose di 25/30gr per persona è la dose consigliata altrimenti a mio avviso rimarrebbe delusa la poco anzi quasi nullo sapore.

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5% di Sconto
Nessun premio
10% di Sconto
50% di Sconto
C'eri quasi!
20% di Sconto
Nessun premio
5% di Sconto
Nessun premio
5% di Sconto
C'eri quasi!
5% di Sconto
Tenta la fortuna e vinci un premio!
Inserisci la tua email e gira la ruota. Questa è la tua chance di vincere dei coupon sconto!
Le regole del gioco:
  • Puoi girare la ruota una sola volta.
  • Se vinci, riceverai un'email con il codice sconto da utilizzare entro 3 giorni, non cumulabile con altri sconti o promozioni.
  • Riceverai massimo due email al mese con le nostre offerte speciali; potrai disiscriverti quando vuoi.