tartufo-nero-estivo-fresco-online

Tartufo Estivo Fresco

14 4.64

da 20,00

Il Tartufo Estivo fresco, noto anche come Scorzone, è l’unico tartufo nero raccolto nel periodo primaverile-estivo. Perfetto per la stagione calda, ha un profumo aromatico e sapore deciso ma morbido, con note di porcino e nocciola. E’ tra i tartufi più apprezzati in cucina, perfetto per accompagnare antipasti, primi e secondi di carne.
E’ disponibile fresco dal 1 Maggio al 30 Agosto. Le pezzature inviate vanno dai 10 gr a 1 chilo.

Svuota
COD: N/A Categoria: Tag: ,

Descrizione Tartufo Estivo Fresco

Il tartufo estivo fresco, noto anche come tartufo scorzone, è il prodotto ideale per chi vuole avvicinarsi al mondo del tartufo: aroma equilibrato, più economico del famoso tartufo nero pregiato e ingrediente ideale per dare un tocco in più alle tue ricette. In più, il gusto di un portare a tavola un tartufo appena raccolto e la bellezza del gesto di grattare, spolverare e litigare per l’ultima lamella.

Il tartufo estivo regala alle tue ricette quel profumo di bosco che gli deriva dal territorio in cui nasce e cresce e, soprattutto, quegli aromi tratti dalle radici degli alberi con cui vive in simbiosi: noccioli, quercie, salici, tigli, castagni, faggi, carpino nero, pioppi. Per capirne a fondo le sfumature, bisogna assaggiarlo.

Molti lo conoscono come scorzone, per la sua scorza ruvida e verrucosa. In realtà, il tartufo estivo prende il suo nome dalla sua caratteristica più evidente, la stagionalità: la raccolta del tartufo estivo si concentra tra il 1 maggio e il 30 agosto. Da qui, la sua classificazione ufficiale come Tuber aestivum Vittadini, dal nome del medico milanese Carlo Vittadini che a fine ‘800 ne formalizzò le caratteristiche nella “Monographia Tuberacearum“.

Perché scegliere il tartufo estivo

  • il Tartufo Estivo ha un profumo aromatico che richiama nocciole e funghi porcini, e un sapore deciso ma morbido che piace davvero a tutti.
  • il suo costo inferiore rispetto a quello di altri tipi di tartufo, lo rende un ingrediente ideale per un’occasione speciale senza spese eccessive
  • è un tartufo resistente, che si conserva anche per 4-5 giorni dopo l’acquisto
  • il suo aroma viene valorizzato dalla cottura: sono quindi tante le ricette in cui il tartufo estivo riesce a dare un tocco in più
  • può essere utilizzato anche a crudo, ad esempio grattugiato sulle classiche uova fritte!

Quale grammatura scegliere

L’uso principale che si fa del tartufo estivo fresco è come condimento grattato o fatto a lamelle: volendo preparare una pasta al tartufo estivo per 4 persone, il quantitativo sufficiente è 100grammi. Il nostro consiglio è comunque quello di non accontentarsi della “quantità sufficiente” e prendere la grammatura successiva da 250gr, per 2 motivi: il primo è ovvio… il tartufo non basta mai! E poi quando si mette il tartufo a tavola, è divertente creare un intero Menu a base di tartufo estivo: antipasto e primo piatto (frittata al tartufo e strangozzi al tartufo) oppure un primo e una proposta di carne tartufata.

Consigli per la conservazione

Il tartufo estivo viene confezionato in materiale tecnico ad hoc per il trasporto di prodotti freschi. Una volta consegnato, il consiglio è di consumare il tartufo estivo fresco nei successivi 4 giorni. Nonostante il tartufo estivo sia uno tra i tartufi più resistenti, per una conservazione ottimale consigliamo di avvolgere il tartufo nella carta casa e metterlo in frigorifero chiuso in un barattolo di vetro ermetico. E’ fondamentale cambiare la carta casa ogni giorno e eliminare la condensa nel barattolo.

Consigli per la pulizia

Considerato che il tartufo estivo cresce sotto terra, vi verrà consegnato non perfettamente pulito: non per mancanza di attenzioni da parte nostra, ma per una migliore conservazione. Il tartufo va infatti pulito con cura solo immediatamente prima del consumo. Quindi: tirare fuori dal frigorifero il tartufo almeno un’ora prima di utilizzarlo, e considerato che il tartufo estivo è la tipologia di tartufo tra le più resistenti, mettere sotto un filo di acqua fredda corrente del lavello e togliere i residui di terra con una spazzola a setole medio-dure (se non l’avete, andrà benissimo anche un vecchio spazzolino da denti). Quando la scorza nera sarà pulita, il tartufo è pronto per essere utilizzato! Buon appetito!

Pin It on Pinterest

Shares